Oasi faunistica del Bosco di Ramitelli

Ambiente · Campomarino

Il Bosco di Ramitelli è un latifondo boscoso pascolativo esteso 1211 ettari che comincia dal litorale Adriatico, in corrispondenza della ferrovia Termoli – Foggia, e finisce al demanio comunale di Campomarino, in contrada Ramitelli, nei pressi della Foce del fiume Saccione. Il terreno, in prevalenza sabbioso, migliora mano a mano da nord a sud, mentre la densità della massa boscosa è molto variabile in tutta la zona.

L’Oasi faunistica del Bosco di Ramitelli, fino a qualche anno fa, era ricca di pregiata selvaggina e famosa per i suoi cinghiali, oggi scomparsi. A Ramitelli si accede da diverse vie, tutte a fondo naturale, che nella cattiva stagione diventano impraticabili o quasi. Il bosco dista circa 5 km dall’abitato di Campomarino ma manca qualsiasi tipo di strada, quindi accedervi e attraversarlo è disagevole.

Queste aree risultano poco redditizie a causa della grande percentuale di sabbia e quindi dell’aridità che le caratterizza e si dovrebbero destinare ad attività turistiche ed educative. Sito di Importanza Comunitaria (Direttiva 92/43/CEE “HABITAT”) e Oasi di Protezione (Decreto del Presidente della Regione Puglia del 23 maggio 1985, n.1165) costituisce un habitat tipico della fascia costiera Mediterranea con importanti formazioni dunali a ginepri e una rara formazione boschiva igrofila, grazie alla presenza delle fantine (depressioni dunali umide) e del Torrente Saccione. La vegetazione è caratterizzata da comunità adattate a vivere parzialmente sommerse da acqua e costituita da specie radicate in suoli fangosi-melmosi. La visita permette di cogliere tutte le peculiarità legate ai colori e ai profumi delle varie specie vegetali presenti: Frassino, Pioppo Bianco, Cerro, Roverella, Lentisco, Fillirea, Cisto Femmina, Cisto Villoso, Ginestra, Erica, Mirto, Rosmarino, Cardo Mariano, Cipollaccio, Aglio Napoletano, Orchidea Nera “Fior di Ragno”, Serapide della Puglia, Silene flos-cuculi, Silene rigonfia, Coronilla, Ciclamino primaverile.

La zona è interessata da una delle grandi direttrici migratorie ed è frequentata da Airone Cinerino, Garzetta, Upupa, Cormorano, Airone Bianco, oltre che da Poiane, Cinghiali, Volpi, Testuggini.


Indirizzo

Campomarino - Campomarino, SS16, 86042

Il sito risulta visitabile e accessibile
Orari di apertura

Preferibili escursioni nel periodo estivo. Inagibile in inverno e durante le piogge.

Link utili

Video Youtube della zona